Arrossamento improvviso o autentica reattività della pelle e dei vasi della cute: gli arrossamenti del viso non sono sempre facili da diagnosticare poiché possono essere causati da molti fattori. Tuttavia, nonostante il loro aspetto innocuo, possono diventare rapidamente un serio problema da attenuare a qualunque costo.

Scoprite tutti i consigli e i trattamenti più adatti della Ricerca Avanzata PATYKA per ridurre gli arrossamenti del viso.

Cosa sono gli arrossamenti del viso?

Come suggerito dal nome, si parla di arrossamenti del viso quando la pelle di quest'ultimo assume un colore che può variare dal rosso vivo al rosso bluastro. Si osservano in particolare nelle persone dalla pelle chiara ma in realtà le loro cause sono più complesse e possono variare in base a vari criteri.

Come la maggior parte dei problemi della pelle, gli arrossamenti del viso compaiono in zone localizzate: naso, guance, mento, fronte, ma nei casi più estremi possono diffondersi anche a tutto il viso.

A seconda della loro origine, gli arrossamenti del viso possono essere temporanei: indicano una situazione di sensibilità della pelle e durano solo pochi istanti o qualche giorno. Si tratta di uno “stato” dell'epidermide. Ma possono anche permanere per settimane e mesi, se non trattati adeguatamente.

Identificare gli arrossamenti del viso

Pelli reattive: la colpa è dei vasi sanguigni

Quando sul vostro viso compaiono degli arrossamenti, tutto avviene nei vasi sanguigni. Arrossire: ecco la reazione della pelle più semplice e comune, anche se a volte può essere fastidiosa. Quando le guance arrossiscono, il sangue affluisce al viso e indica un’iperattività dei vasi sanguigni. Infatti, l'arrossamento improvviso è dovuto ad una dilatazione dei vasi sanguigni della pelle, a livello del derma, situato sotto l'epidermide.

Identificare gli arrossamenti del viso

Gli arrossamenti possono essere una risposta automatica del corpo a una forte emozione (timidezza, rabbia, stress, ecc.), ma possono manifestarsi anche in varie situazioni quotidiane:

- Attività fisica

- Consumo di alcol o cibi piccanti

- Esposizione della pelle a temperature troppo elevate (sole, sauna, lavaggio con acqua troppo calda)

- Reazione allergica (reazione cosmetica o cutanea in seguito all'assunzione di un farmaco)

- Vampate di calore (soprattutto durante la menopausa)

- Ereditarietà: gli arrossamenti possono comparire nelle persone con la cosiddetta pelle “vasoreattiva” che può essere ereditaria

- Invecchiamento cutaneo: a partire dai 25 anni, la pelle è più sensibile agli arrossamenti.

Se soffrite di arrossamenti del viso o di arrossamenti in queste particolari situazioni, si tratta di una risposta normale del vostro corpo e non è indicativa di una condizione della pelle.

Ma gli arrossamenti del viso possono essere accompagnati da altri sintomi: gonfiore, sensazione di calore, prurito, lesioni, ecc. e a seconda del loro grado di importanza, devono essere presi in considerazione poiché possono essere i sintomi di problemi più seri della pelle come come rosacea, couperose o eritrosi.

Rosacea, eritrosi e couperose: l’iperreattività dei vasi cutanei

Quando gli arrossamenti assumono la forma di macchie sul viso e diventano più difficili da coprire, significa che avete una patologia pelle chiamata eritrosi, couperose o rosacea.

I loro sintomi sono gli stessi, ma le loro fasi sono diverse (l'eritrosi è lo stadio in cui gli arrossamenti sono diffusi, la couperose provoca la comparsa di piccoli capillari e la rosacea è solitamente accompagnata da brufoli e protuberanze).

Ognuna di queste patologie è caratterizzata dalla comparsa di arrossamenti più o meno intensi, permanenti o intermittenti in zone localizzate del viso. Queste zone diventano rosse, per l'eccessiva dilatazione delle piccole vene superficiali del viso.

Si tratta dei capillari sanguigni. La pelle infatti è nutrita dai capillari sanguigni, vere e proprie autostrade del nutrimento! I capillari forniscono alla pelle l'ossigeno di cui ha bisogno per essere in salute e bella. Sono molto fragili e sensibili alle aggressioni esterne.

Quando i capillari si dilatano, la pelle diventa fragile e perde vitalità. Sul viso, entrano quindi spesso a diretto contatto con l'aria e gli sbalzi di temperatura improvvisi, che ne provocano la dilatazione e la comparsa di couperose e arrossamenti.

Questi problemi della pelle colpiscono principalmente le donne con pelle chiara e fragile e compaiono a qualsiasi età. Nella maggior parte dei casi, gli arrossamenti del viso legati a queste malattie della pelle colpiscono le donne con una predisposizione genetica accentuata dall'ambiente in cui vivono.

Trattare l'iper-reattività della pelle

Quando la pelle è soggetta a rosacea, eritrosi o couperose, una delle soluzioni più efficaci è il trattamento laser. Agisce direttamente sulle piccole vene e fa scomparire i sintomi con l'azione del calore.

Naturalmente, questa soluzione è anche la più dolorosa, e una sola seduta non sarà sufficiente per far scomparire completamente la rosacea o la couperose. A seconda dello stato della vostra pelle, vi consiglieranno da 3 a 8 sedute, con un intervallo di quindici giorni fra le prime tre sedute.

Il trattamento laser è consigliato esclusivamente per le persone con uno stadio avanzato di iper-reattività dei vasi sanguigni.

Se i vostri arrossamenti sono diffusi e volete attenuarli, ci sono soluzioni più naturali. Per neutralizzare gli arrossamenti delle pelli più reattive, nella dermocosmetica si possono trovare molti principi attivi adatti alle pelli sensibili, purché adattiate la vostra routine di bellezza!

Le soluzioni per attenuare gli arrossamenti del viso

Adottare una routine di trattamenti per rafforzare la parete dei vasi fragili

Per rafforzare la barriera cutanea senza sensibilizzarla, è fondamentale adottare i gesti di bellezza indispensabili per avere una pelle sana, radiosa e con un’attenuazione degli arrossamenti.

Le nuove gamme di trattamenti della Ricerca Avanzata PATYKA sono state sviluppate in base a nove trattamenti etici, certificati bio ed efficaci, per soddisfare le esigenze di tutte le pelli, anche quelle soggette ad arrossamenti.

La doppia detersione per la pelle reattiva

Ereditata direttamente dai rituali di bellezza giapponesi, la doppia detersione libera la pelle dal trucco e dalle impurità con tre passaggi chiave. Grazie a questi nuovi trattamenti, PATYKA trasforma la rimozione del trucco in un'autentica esperienza sensoriale dall’efficacia straordinaria. Le loro formule delicate e gentili leniscono le pelli più reattive.

Arricchito con oli vegetali (Girasole BIO, Jojoba BIO e Noccioli di Albicocca BIO), l'Olio Struccante Ultra-rapido dissolve efficacemente il trucco e dona alla pelle le sue virtù antiossidanti, rigeneranti, protettive e ammorbidenti.

Sull’Olio Struccante Ultra-Rapido, applicate direttamente e con la punta delle dita la Mousse Detergente Detox.

Le pelli sensibili e soggette ad arrossamenti oggi si possono detergere anche con l'acqua! Grazie all'azione disintossicante della Moringa bio, un principio attivo ricco di vitamina B3 che rafforza la pelle proteggendola dai fattori irritanti esterni e dalle variazioni climatiche. La sua formula senza sapone e la sua texture ultra-cremosa permettono di detergere la pelle rispettandone l'equilibrio alla perfezione.

Infine, donate comfort, idratazione e luminosità alla vostra pelle soggetta ad arrossamenti con la Lozione Lattiginosa Lenitiva, arricchita con Aloe Vera BIO dalle proprietà ammorbidenti.

La Lozione libera la pelle dal calcare, il nemico numero 1 delle pelli urbane reattive, e la lenisce grazie alle proprietà calmanti della Malva BIO, con un contenuto elevato di mucillagini (una sostanza vegetale dall'azione ammorbidente ed emolliente che si gonfia a contatto con l'acqua).

Si usa in particolare in caso di problemi cutanei infiammatori: è quindi ideale per le pelli soggette ad arrossamenti e prurito.

I principi attivi da privilegiare per proteggere le pelli reattive dagli arrossamenti del viso

Dopo aver adattato la vostra routine di trattamento e aver adottato la doppia detersione delicata, l'idratazione è essenziale. Vento, inquinamento, sole e aria condizionata danneggiano il film idrolipidico e la pelle perde circa il 20% di acqua al giorno, diventando più sensibile e fragile. Fornire un'idratazione supplementare alla pelle è un gesto fondamentale, così come scegliere i principi attivi da applicare sulla pelle reattiva.

Il Siero Hydra-Booster è arricchito con Acido Ialuronico Puro e Vegetale, un principio attivo ultra-idratante (scoprite il nostro approfondimento dedicato a questa molecola rimpolpante), e Tremella, un fungo asiatico che trattiene l'acqua nelle cellule.

L'acqua del Ghiacciaio del Monte Bianco disseta la pelle e le fornisce sali minerali e oligoelementi essenziali. Infine, il Bisabololo vegetale protegge le pelli sensibili.

Profondamente idratata, la pelle ritrova tutto il suo splendore ed è visibilmente protetta dalle aggressioni che tendono ad accentuare gli arrossamenti.

Scegliete poi una crema idratante che limiti la perdita graduale di acqua e fornisca alla vostra pelle una fonte supplementare di idratazione. La Crema Lattiginosa Idro-Lenitiva è ideale per le pelli normali in cerca di elasticità e morbidezza, grazie alla sua texture setosa e fresca, ricca di Acqua del Ghiacciaio del Monte Bianco dissetante e di Ceramidi Vegetali che prevengono la disidratazione.

Per quanto riguarda la Crema Ricca Idro-Lenitiva, è adatta alle pelli più secche, alle quali fornisce tutto il comfort di cui hanno bisogno: arricchita con Burro di Mango, nutriente e ammorbidente, non lascia effetto grasso sulla pelle.

Adottate i gesti giusti, ogni giorno:

- Applicate quotidianamente trattamenti idratanti anti-arrossamenti, oppure scegliete gli oli vegetali che attivano la circolazione venosa, come l'Olio vegetale di Canapa, nella versione BIO e senza conservanti. L’Olio di Canapa decongestiona, ripara e purifica la pelle in profondità. Molto ricco di acidi grassi polinsaturi, è ideale per lenire le pelli reattive.

- Controllate l'alimentazione limitando l'alcol e gli alimenti piccanti.

- Proteggetevi dalle variazioni climatiche evitando gli sbalzi di temperatura improvvisi (caldo/freddo) e usate trattamenti con filtro solare non appena esce il sole (anche d'inverno!).

- Infine, se gli arrossamenti persistono e vi danno filo da torcere, non esitate a consultare un dermatologo che saprà consigliarvi e raccomandarvi il trattamento più adatto alla vostra pelle e al vostro stile di vita.

Scoprite la nostra Collezione completa per combattere gli arrossamenti facendo clic qui